migliorare la qualità della Vita

Ippocrate, Paracelso, Bach, Steiner,…abbracciano tutti un unico concetto: un buono stato di salute è il risultato di un’armonia emozionale, spirituale, mentale, fisica.

le essenze floreali agiscono in modo da portare l’individuo a seguire le sue intuizioni, mantenendo la direzione legata alle proprie scelte animiche compiute in condizione di totale consapevolezza.

esse fanno emergere le qualità positive che già possediamo, ma che abbiamo dimenticato di avere in noi. cosi saremo in grado di trasformare la paura in coraggio, l’odio in amore, l’insicurezza in autostima e accettazione di noi stessi, etc…

anni fa è stata condotta una grande ricerca sui rimedi da Richard Gerber. nel suo libro “Medicina Vibrazionale” indica come le tre maggiori forme di quest’ultima sono: le essenze floreali, l’omeopatia e la gemmoterapia.

il termine “vibrazione” è sinonimo di “frequenza” ed è questa la differenza tra una sostanza densa e la materia “sottile” (come, ad esempio, un’essenza floreale). quest’ultima vibra ad una frequenza maggiore ed è in grado di agire sull’energia del corpo.

ma …come?

le essenze si muovono attraverso il sistema nervoso centrale direttamente sui meridiani energetici, i quali sono mediatori che correlano l’aura e i corpi sottili al corpo fisico.

dai meridiani le essenze si muovono fino a raggiungere i chakra e ritornano alla dimensione biologica del corpo fisico.

le essenze non hanno controindicazioni e non interferiscono con i farmaci.

devono essere diluite e combinate con l’aiuto di un floriterapeuta che saprà accompagnarvi nella conoscenza dei rimedi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: